Tu sei qui: Home Articoli Scampia. Italia. Anche all'Isola

Scampia. Italia. Anche all'Isola

02/04/2011

Dal 2 aprile al 17 aprile la manifestazione di arte, cultura e spettacolo che vede protagonista a Milano il quartiere napoletano di Scampia. Musica, cinema, fotografia, letteratura per parlare di un quartiere simbolo di degrado e controllo mafioso. Ma anche di impegno e denuncia sociale.

di  zonaisola

Scampia. Italia. Anche all'Isola Locandina della manifestazione Scampia. Italia - Immagini in movimento

Il quartiere Isola ospita una parte della manifestazione "Scampia.Italia". In particolare la rassegna cinematografica "Immagini in movimento" a cura di Rapporto Confidenziale: una sezione di documentari che verranno proiettati nello spazio Frida in via Pollaiuolo 3. Gli appuntamenti sono programmati di sabato e domenica nelle giornate del 2-3, 9-10 e 16-17 aprile.

Il Corriere della Sera ha pubblicato questo articolo sull'iniziativa.

Riportiamo di seguito il programma completo dei documentari in programma nel quartiere Isola tratto dal sito Scampia.Italia dove potete trovare anche il calendario completo dellla manifestazione a Milano.

 

sabato 2 aprile, ore 21
Napoli comincia a Scampia / Roberto Burchielli / Italia, 2006 – 55′ [DOC]
Scampia, il quartiere alla periferia nord-occidentale di Napoli, è il più grande supermercato a cielo aperto della droga, il più esteso d’Italia. Oggi Scampia detiene i record in fatto di disoccupazione, spaccio di droga, assenteismo scolastico, omicidi, numero di latitanti. Qui i ragazzini imparano presto: prendono i soldi, mandano giù la dose. Una, due, cento volte al giorno, giorno dopo giorno, cliente dopo cliente. Alla luce del sole, in decine di palazzi, protetti da una fitta rete di sentinelle.
Nel documentario di Burchielli la realtà sembra un film d’azione.
La Domitiana. Dove non c’è strada non c’è civiltà. / Romano Montesarchio / Italia, 2008 – 58’ [DOC]
Nel settembre 2008, l’Italia si è svegliata con le immagini di una delle stragi più cruente della sua storia criminale, quella della sartoria di Castelvolturno che ha fatto sì che, forse per la prima volta, giungessero in quantità le «istantanee» del degrado del litorale. Poi le immagini della devastazione della rivolta degli immigrati. Immagini, spezzoni, video spesso girati frettolosamente: il Paese ha visto, si è indignato e ha archiviato appena possibile. Non ha agito così il giovane regista Romano Montesarchio, che ha realizzato un documentario frutto di un lavoro cominciato nel 2003 con l’abbattimento delle torri del villaggio Coppola, seguito da osservazioni costanti nel corso degli anni e completato con una campagna di riprese.
domenica 3 aprile, ore 21
O’ sistema / Matteo Scanni, Ruben H. Oliva / Italia, 2006 – 90’ [DOC]
Camorra è una parola che non esiste più. A Napoli i camorristi parlano di sé usando un altro concetto: il Sistema. Si dice ad esempio: o guaglione di che Sistema è, di che clan fa parte?
Lontano dai cliché che troppo spesso riducono la camorra a fenomeno locale e folcloristico, Matteo Scanni e Ruben H. Oliva ricostruiscono la struttura militare ed economica dei clan campani; ci mostrano la droga di Scampia, la prostituzione a Castelvolturno, le ville della camorra a Casal di Principe, il feudo del clan dei Casalesi, gli unici camorristi che come i Corleonesi sono l’espressione di una mafia locale, contadina, ma capace di sfidare il cuore dello Stato. E cercano una spiegazione tra gli abitanti, lasciando che a parlare siano i piccoli gesti della vita quotidiana, le testimonianze della gente dei vicoli e delle periferie costretta a convivere con le mille facce della camorra. Ma il Sistema è raccontato anche attraverso una serie di interviste inedite a magistrati, politici e giornalisti impegnati nella lotta ai clan.
sabato 9 aprile, ore 21
Gomorra, cinque storie brevi / Melania Cacucci / Italia, 2008 – 50’ [DOC]
Nato come backstage del film “Gomorra”, il progetto diretto da Melania Cacucci si è in breve tempo trasformato in un documento più articolato che cerca di approfondire i temi presenti nel film ed il contesto in cui si è svolta la lavorazione. Come il film di Matteo Garrone, anch’esso si struttura in cinque storie, fra loro non intrecciate, suddivise in capitoli.
I giorni buoni / Andrea Barzini / Italia, 2010 – 54’ [DOC]
In un paese alla base del Vesuvio orientale (Scisciano) da più di un decennio due educatori, Vincenzo Morgera e Silvia Ricciardi, dirigono un esperimento/scommessa che suona più o meno come una goccia nell’oceano: riportare alla vita civile (e a un possibile futuro) dei ragazzi la cui esistenza è già compromessa da ogni genere di reati.
domenica 10 aprile, ore 19.30-21
Areapergolesi, via G.B. Pergolesi 8, Milano
Chille va pazze pe tte Selezione di videoclip neomelodici a cura di RC
Dai neomelodici al pop nap sound
sabato 16 aprile, ore 19
Aitanic / Nino D’Angelo / Italia, 2000 – 92’
Gaetano, detto Aitano, ruba uno sgangherato traghetto ormai in disuso. Aitano ha il problema di mettere insieme pranzo e cena per sé e per la famiglia e il traghetto può essere la sua grande occasione: può attrezzarsi per offrire abusivamente un servizio sostitutivo ai vacanzieri. È infatti scontato che prima o poi qualche sciopero lascerà tutti a piedi. L’occasione non tarda a capitare, e sul traghetto per Capri si imbarca una folla di persone variegata e composita. Oltre ai turisti c’è infatti una bella fetta di umanità popolare napoletana con il continuo contrapporsi di ricchi e poveri. Tra gli altri c’è Leonardo Di Capri, fioraio abusivo del cimitero di Napoli, che va nell’isola deluso dopo aver perso la causa di affidamento del figlio piccolo che è con lui; c’è Giulia, prostituta d’alto bordo, al seguito del cliente del momento, Riccardo, un industriale milanese poco contento di trovarsi al sud, e tuttavia in cerca di vendere panettoni scaduti ad un onorevole dell’isola; c’è infine Neon, un cantante melodico di successo.
Sorprendente musical neomelodico firmato da Nino D’Angelo.
Napoli…la camorra sfida, la città risponde / Alfonso Brescia / Italia, 1979 – 94′
A Napoli l’organizzazione mafiosa di Rampone, per mezzo di un drappello di scagnozzi capeggiati da Vito, impone onerose protezioni a piccoli industriali e a commercianti. Don Francesco Gargiulo, proprietario di un arsenale, tenta di opporsi ma viene piegato da Vito il quale cattura suo figlio Marco ne violenta la fidanzata Maria. Marco, a sua volta voglioso di vendetta, con fotografie prese mentre i mafiosi compiono le loro imprese, permette al commissario De Stefani di catturare i delinquenti e di costringere le vittime a firmare la denuncia. Rampone, però, assolda il disumano killer François e, attaccando nuovamente tutti i negozianti, li induce a ritirare le deposizioni. De Stefani si trova a dover rimettere in libertà tutti i mafiosi per mancanza di prove. Questa volta il Gargiulo si decide ad agire…
La croce dalle sette pietre / Andolfi / Italia, 1987 – 88’
Marco è frutto dell’accoppiamento di sua madre con il demonio. A preservarlo dalle trasformazioni notturne in lupo mannaro, una croce ornata da sette pietre. Giunto a Napoli, il monile gli viene rubato da piccoli criminali. Dovrà recuperarlo per salvarsi. Meglio noto con il titolo di “L’uomo lupo contro la camorra”, il film in questione è da molti considerato fra i più assurdi mai girati in Italia. Stracult!
domenica 17 aprile, ore 21
Napoli: vita, morte e miracoli / Roberto Burchielli / Italia, 2009 – 96’
Napoli è la città più violenta d’Europa, quella con più disoccupazione e con più delinquenza. A Napoli tutto è illegale. Si muore, si uccide e si è aggrediti quotidianamente, per una rapina o per uno scippo, da ragazzini che non arrivano ai 15 anni. Sono i ragazzini le vedette degli spacciatori che sostano, impuniti, a controllo delle piazze di spaccio. Era un ragazzino la persona fermata dalla polizia con una pistola e un giubbotto antiproiettile nei vicoli del rione Sanità dopo una rapina in banca.
Il racconto di “Napoli Vita, Morte e Miracoli” parte da qui ed ha come protagonisti alcuni ragazzini di un rione popolare ed il nucleo di poliziotti specializzato in microcriminalità, i Falchi.
Evento a cura di Rapporto Confidenziale
rivista on-line di cinema indipendente.
comments powered by Disqus
Lancia un progetto nel quartiere Isola

Vivi all'Isola? Ci lavori? Ti piace questo quartiere? Hai delle idee da mettere alla prova? Attraverso zonaisola.it puoi lanciare un progetto di quartiere o unirti a quelli già avviati! Scopri di cosa si tratta. Visita la sezione Progetti.

Isola Partecipata Calendario completo

Tutti gli appuntamenti del percorso di progettazione partecipata per realizzare all'Isola la nuova Casa del quartiere e riqualificare il cavalcavia Bussa